“L’età dell’innocenza” della sinistra italiana è finita

 

Per la sinistra italiana e mondiale è finita “l’età dell’innocenza”, un po’ come avviene nel famoso romanzo di Edith Warton, trasformato in film dal grande Martin Scorsese. Dopo la caduta del muro e della “minaccia comunista” qualcuno pensava che la “Storia” fosse finita e che l’umanità sarebbe andata incontro a secoli di pace, progresso e prosperità. Non è così purtroppo, la presenza di un’unica ideologia mondiale, il liberismo finanziario e monopolista che non vuole più mediare con nessuno, ha prodotto guerre, scontri sociali e povertà. La sinistra, specialmente quella socialdemocratica, è in crisi ovunque perché ha pensato che il liberismo e il mercato autoregolato avrebbero portato benessere ed espanso ovunque la democrazia, abbattendo i confini nazionali con la globalizzazione. Ha applicato un riformismo debole, debole al punto da essere paragonato a un leggero “ritocco estetico” che non ha mai voluto mettere in discussione il paradigma di riferimento. Quello che non ha capito la sinistra socialista è che in passato ha potuto realizzare importanti riforme sul lavoro, sui diritti e sul welfare proprio perché il capitalismo atlantista doveva confrontarsi con un’altra visione di società, incarnata dal regime collettivista sovietico. Senza la presenza di quel “duopolio” ideologico, probabilmente non ci sarebbe mai stato lo spazio per la grande stagione dei riformismi socialisti in Occidente, che ha rappresentato un po’ la mediazione tra quei due modi di concepire l’uomo e la società. La sinistra non ha più cercato e interpretato le contraddizioni della società, si è pigramente schiacciata sulle posizioni del mercato credendo che queste potessero garantire tutti. Oggi è arrivato il momento di capire che la sinistra non può più essere “innocente” di fronte a questa realtà, altrimenti è destinata a scomparire definitivamente.

Daniele Riggi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: