La “sindrome cinese” del senatore ciociaro Ruspandini

L’espressione “sindrome cinese” fa riferimento ad una teoria, diffusasi negli anni ’70 del secolo scorso, secondo la quale in caso di un incidente ad una centrale elettrica nucleare, in cui ci sia la fusione del nocciolo del reattore, niente riuscirebbe a fermarlo: fonderebbe fino alla base della centrale e oltre, perforando la crosta terrestre, in teoria fino alla Cina. Secondo Massimo Ruspandini, senatore ciociaro del partito “Fratelli d’Italia”, invece di un nocciolo nucleare, dalla Cina, probabilmente passando al di sotto della crosta terrestre, stanno arrivando piccoli bebè pronti a sostituire i neonati italiani, nella fattispecie ciociari.

A parte l’ironia, secondo quanto scritto in un post pubblicato sulla propria pagina Facebook il senatore Ruspandini crede, realmente, che le famiglie ciociare non fanno più figli perché la “sinistra” ha messo in atto una “sostituzione etnica” con il popolo cinese. Forse dimentica che se non si può contare su un lavoro stabile, una tetto sicuro, dei servizi pubblici efficienti, il primo pensiero di un giovane ciociaro non è certo quello di procreare per incrementare la “razza italiana” e la “specie umana”. Bisogna ricordare, tra l’altro, che il problema della natalità in Italia è cominciato molto prima della globalizzazione e della stabilizzazione dei flussi migratori. Caro senatore, si adoperi su problemi reali e concreti quali la disoccupazione giovanile nella nostra provincia, l’inquinamento ambientale, la privatizzazione selvaggia dei servizi pubblici. Poi possiamo anche parlare di complotti razziali e statistiche demografiche.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: